Centrosinistra sfarinato

sfarinamento«Città minuscola, Como: ove è precluso qualsivoglia ragionamento di carattere generale, perché le persone si offendono sul piano personale, sempre. Naturalmente dimenticando che i loro ragionamenti, generali o personali che siano, inevitabilmente entrano nella carne degli altri. Ma si vuole che il coltello si ficchi nella carne con cortesia, anzi meglio: con moltissima ipocrisia. Città piccola, anzi piccolissima, medioevale: dove la politica è di famiglie e gli scontri, alla fine, sono sempre di sangue. Dove l’esercizio fondamentale è quello di appiccicar etichette agli esseri umani, applicando al mondo le proprie logiche di bottega. Piccola e sostanzialmente pallosissima… L’origine dello sfogo? L’ennesimo politico che, invece di rispondere ai miei ragionamenti, si offende sul piano personale e chiude i rapporti… 

In ordine sparso: paratie, traffico e tutto il resto

  1. La cronaca amministrativa di questi tempi di crisi è tristissima, se non stupefacente. Basti pensare a quanto sta avvenendo a Roma.

Como, per fortuna, sembra una città più tranquilla, anche se mi pare che vi sia una cappa di silenzio impenetrabile su tutti i lavori pubblici deliberati dalle passate amministrazioni.

Ma se veniamo alla nuova giunta di centro-sinistra che governa la città, non mi pare che ci sia da stare allegri. Certo la crisi morde sempre di più (e non manca molto ad una radicalizzazione di ogni forma di scontro) e la politica economica del Governo in carica proprio non sembra riuscire, e non sembra che abbia la volontà di cambiare passo rispetto i governi del passato. In ogni caso, mi sembra evidente che a Como l’amministrazione proceda in ordine sparso.

  1. Prendiamo il lungolago. Pare che, grazie alla Regione, si sia messo a punto un progetto finale, probabilmente compreso di mini-paratie per l’acqua alta. Ma poi l’assessore alla viabilità propone di chiudere il lungo-lago alle autovetture, pur garantendo l’apertura nei momenti di punta.

Ora, delle due l’una: le paratie potevano avere un senso se il problema era quello del traffico; ché altrimenti sarebbe stato molto più logico (e mi pare che vi sia stato qualche architetto comasco ad averlo proposto) ripristinare l’antica mezzaluna del porto, consentendo al lago di fare il proprio capriccio, che poi è il calcolo economico del consorzio che gestisce le sue acque. Decidere, al contrario, di fare entrambe le cose mi pare un enorme spreco di denaro pubblico. Di più: mi sembra la manifesta conferma che non si abbia la più pallida idea di quale città progettare.

  1. Pare che l’assessorato alla viabilità abbia commissionato uno studio di fattibilità per capire se e in quale misura il lungo lago si possa chiudere, parzialmente, al traffico.

Anche in questo caso mi pare che lo spreco di risorse pubbliche sia indubbio, anche se infinitamente minore del precedente: ma cosa ci stanno a fare un assessore e i circa 800 dipendenti comunali, se non per sapere e, in caso contrario, per imparare a gestire, con gli strumenti più opportuni, proprio il traffico? E poi: anche visti gli scandali in corso (in Lombardia, come a Roma), non sarebbe il caso di finirla una volta per sempre con le consulenze esterne?

E infine: se il problema è quello del traffico, cominciare a risolverlo da un suo micro-sottoinsieme (il lungolago, per altro strategico) mi sembra davvero sconsiderato. E’ il famigerato “girone” a dover essere radicalmente ripensato e solo un progetto complessivo può guidare la risoluzione dei sottoinsiemi (tanto più se strategici).

  1. L’assessorato all’urbanistica ripropone un vecchio progetto di Confindustria, se non ricordo male, ai tempi in cui Confidustria dimostrava una enorme lungimiranza, come quella di fare un depuratore… in città (ma allora i comaschi illuminati consideravano quel luogo… una “periferia”!): fare un parcheggio sotterraneo in viale Varese. L’idea di fondo, se ancora non sbaglio, sarà di rendere ZTL anche quel viale.

Non entro nel merito della sponsorizzazione di questa idea, di una nota impresa locale, anche se sarebbe opportuno avere la massima trasparenza e tracciabilità di questa nuova sinergia pubblico/privato, in un periodo di enorme crisi del settore edilizio. Mi domando, piuttosto, come si possa ancora pensare di portare il traffico fino dentro le mura della città e come sia possibile non trovare un modo efficace per utilizzare i parcheggi già esistenti, alcuni delle vere e proprie cattedrali nel deserto, o riqualificare le tante aree dismesse.

Infine: dischiusa la possibilità di fare anche in centro storico della grande distribuzione, quale politica urbanistica concreta questa amministrazione propone per questa parte fondamentale, ma sempre più disabitata (e quasi spettrale) della città? Si tratta di costruire parcheggi per consentire di far compere in un supermercato-monumentale in centro storico? In attesa di prossimi insediamenti commerciali (ce ne sono? e chi sono?), si è pensato di censire l’emergenza abitativa e di escogitare forme contrattuali consensuali e non punitive ma incentivanti, per aprire i vani sfitti a chi ne ha urgente bisogno? E’ troppo chiedere che 800 dipendenti comunali siano in grado, sotto la direzione politica e tecnica, di creare sapere e di progettare proposte?

  1. In ordine sparso, dunque; e sul piano politico uno sfarinamento della compagine che aveva vinto le elezioni. La concezione dell’amministrazione di tutte le forze politiche uscite vincitrici dalle scorse elezioni (anche quelle distaccatesi dalla maggioranza) non sembra segnare nessuna significativa discontinuità: solo gli assessori “sanno e fanno” e la città subisce politiche nate in cerchie ristrettissime, di persone come di idee. Nessun ruolo significativo dei consiglieri comunali e del Consiglio comunale e nessuna seria organizzazione politica che voglia e sappia valorizzare le tante energie cittadine inutilizzate. Infine, nessuna seria opposizione politica.

E’ però bene ricordarsi che il disordine non è casuale, ma è sempre funzionale ai rapporti di forza esistenti nella cosiddetta società civile, sempre più caratterizzata da spaventose asimmetrie di opportunità e pronta a piegare a proprio esclusivo vantaggio, con immensi danni collaterali per la comunità, le istituzioni pubbliche.

  1. Dulcis in fundo: incredibile, ma pare che l’amministrazione abbia chiamato a rifare il “girone”… il suo ideatore! Con tanto di paginone della “Provincia” che sponsorizza, asetticamente, l’iniziativa.

Come se nulla fosse; come se quel girone non sia stato all’origine di un innalzamento senza precedenti dell’inquinamento e del caos cittadino.  Avanti così, in ordine sparso! [Luca Michelini]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...